IT | EN

BOCCADORO Carlo

(Macerata, 1963)

Bio

Carlo Boccadoro - compositore, direttore d'orchestra, pianista, percussionista e musicologo - ha studiato al Conservatorio "G.Verdi" di Milano dove si è diplomato in Pianoforte e Strumenti a Percussione. Nello stesso istituto ha studiato Composizione con diversi insegnanti, tra i quali Paolo Arata, Bruno Cerchio, Ivan Fedele e Marco Tutino. Ha inoltre frequentato il corso di Tecnica dell'Improvvisazione jazzistica tenuto da Giorgio Gaslini.
Dal 1990 la sua musica è presente in tutte le più importanti stagioni musicali italiane: Teatro alla Scala, Piccolo Teatro, Pomeriggi Musicali, Orchestra "Verdi" e Festival "Suoni e Visioni" di Milano; Biennale di Venezia; Teatro Filarmonico di Verona; Teatro Regio, Settembre Musica e Unione Musicale di Torino; Teatro Carlo Felice e Teatro dell'Archivolto di Genova; Teatro Comunale e Musica Insieme di Bologna; Ferrara Musica e Aterforum di Ferrara; Orchestra "A.Toscanini" dell'Emilia Romagna e Teatro Regio di Parma; Maggio Musicale Fiorentino e Orchestra della Toscana; Cantiere Internazionale D'Arte di Montepulciano; Accademia Filarmonica Romana; Teatro Caio Melisso di Spoleto; Filarmonica Umbra; Teatro Massimo e Amici della Musica di Palermo; Teatro Comunale di Cagliari; Festival del Jazz di Sassari, ecc. La sua musica è stata inoltre eseguita in molti paesi, tra i quali Francia, Spagna, Germania, Olanda (Concertgebouw di Amsterdam), Inghilterra, Scozia (Royal Academy di Glasgow), Turchia, USA, Giappone.
Fra gli esecutori si ricordano solisti come Bruno Canino, Alessandro Carbonare, Gianni Coscia, Enrico Dindo, Andrea Griminelli, Andrea Lucchesini, Mario Marzi, Fabrizio Meloni, Stefano Montanari, Danilo Perez, Danilo Rossi, Emanuele Segre, Giovanni Sollima, Gianluigi Trovesi; direttori come Philippe Auguin, Antonio Ballista, Martyn Brabbins, Mario Brunello, Bruno Campanella, Othmar Maga, Jerzy Maksymiuk; gruppi strumentali come Il Quartetto Borciani, Il Quintetto Bibiena, I Solisti della Scala, Il Trio Italiano; attori e cantanti come Sonia Bergamasco, Lella Costa, Maria Pia De Vito, Vincenzo La Scola, Moni Ovadia, Katia Ricciarelli.
Per il teatro ha composto il balletto Games (Teatro alla Scala, coreografia di Fabrizio Monteverde) e tre opere liriche, tutte su libretti di Dario Oliveri: A qualcuno piace tango (commissionata dal Teatro Regio di Torino e ripresa successivamente a Palermo, Narni e Milano), Rimini addio! (commissionata dall'Ente lirico Arena di Verona) e La Donna nel quadro (recentemente andata in scena al Teatro Donizetti di Bergamo).
E’ tra i fondatori di "Sentieri Selvaggi", un progetto culturale dedicato alla diffusione della musica d'oggi, che comprende un Ensemble strumentale, un Festival che ottiene da anni un lusinghiero successo, la realizzazione di due compact disc dedicati alla nuova musica italiana e un libro/CD sulla nuova musica internazionale edito da Einaudi.




Gallery
  • Rimini addio al Teatro Filarmonico di Verona (1995); scena e costumi di Pier’Alli
  • Cinzia Forte (Marilyn) e Massimo Crispi (Stravinsky) in A qualcuno piace tango (Stagione estiva del Teatro Massimo di Palermo, 1996)
  • Carlo Boccadoro con Moni Ovadia, interprete vocale della Cantata su melodie yiddish (Pomeriggi Musicali di Milano, 1998)
  • Carlo Boccadoro con il compositore Filippo Del Corno (co-fondatore dell’ensemble “Sentieri selvaggi”) e, al centro, Philip Glass
  • Due CD dell’ensemble “Sentieri selvaggi” (Sensible records), contenenti brani di Boccadoro, Del Corno, Einaudi, Ferrero, Galante, Sollima, Andriessen, Gordon, Lang, MacMillan, Takemitsu


Opere